Teatro: "Aumma" di Gianfelice Facchetti

Prodotto dalla Compagnia Facchetti/De Pascalis con Antonio Brugnano, Pierpaolo Candela, Pietro De Pascalis, Fortunata Mastrangelo e Manola Vignato, con le musiche dal vivo eseguite da la Banda dei Mille (Ottavo Richter e Mauro Sansone), le scene e i costumi di Vittoria Papaleo, con la collaborazione dei detenuti della Casa Circondariale Sanquirico di Monza, il disegno e le luci di Monica Gorla, Gianfelice Facchetti ha scritto (e dirige in regia) uno spettacolo ironico e intenso, un viaggio nella storia del nostro Paese per definirne l’identità.
Dedicato ai 150 anni dell’Unità d’Italia, “AUMMA” è un racconto sottile nel quale i ricordi sembrano prima vacillare e ritrarsi, ma restituiscono poi, tra luci e ombre, un’immagine viva: Italia è un’anziana signora che viene festeggiata nel giorno del suo centocinquantesimo compleanno; Italia è una donna che sta per compiere centocinquant’anni; Italia è una donna senza età, festeggiata dai suoi figli e figliastri che per l’occasione tornano a farle visita dopo tanto tempo.
Il tempo a disposizione di Italia, infatti, è un eterno presente perché il passato è luogo di scontro e divisione, il futuro una sterile discussione se vivere sia diritto o dovere.
Foto e contenuti sono riproducibili da agenzie, giornali e siti internet, con l’obbligo di citare la fonte ‘inter.it’ e con l’espresso divieto di cederli a terzi a qualsiasi titolo nonché di utilizzarli a fini commerciali, promo-pubblicitari e/o di lucro.

Fonte: www.inter.it

Teatro: "Aumma" di Gianfelice Facchettiultima modifica: 2011-02-21T06:12:53+01:00da enzoffds
Reposta per primo quest’articolo